NEWS del 29 novembre 2020 – Saranno le donne a salvare la nostra marineria.

donne-imprenditrici-1

   Il lavoro delle donne vale oltre il 41% del Pil (prodotto interno lordo). L’entrata nel mercato del lavoro delle casalinghe – più di 4 milioni – non solo porterebbe il tasso di occupazione femminile ai livelli europei, ma potrebbe contribuire anche a risollevare lo stato di salute dell’economia italiana.   L’impatto sarebbe dirompente: 268 miliardi di euro, pari a oltre il 18% del Pil.
Il PIL è il valore dei prodotti e servizi realizzati all’interno di uno Stato sovrano in un determinato arco di tempo. Il cluster marittimo contribuisce attualmente al 2,6% del Pil nazionale, all’11% alla produzione della branca dei trasporti e utilizza quasi l’1% delle unità di lavoro rilevate nel Paese, quota che raggiunge il 2% considerando anche l’impatto a monte e a valle.

Dai numeri sopra esposti il valore aggiunto del lavoro delle donne incide in modo considerevole nel settore marittimo. In questi ultimi tempi non è raro che imprenditori marittimi siano in difficoltà e che sono le  figlie a prendere nelle loro mani l’impresa di famiglia, società di navigazione e brokeraggio che, dopo anni di sofferenza economica, tornano a fare utili e ancor meglio allargare il campo di applicazione.

Per quanto sopra scritto non si vuole supporre che le donne debbano supplire al lavoro degli uomini, ma che entrambi i generi condividano posizioni apicali nei vari ambiti professionali. Se la natura ha voluto che gli esseri umani siano composti da donne e uomini, significa che le diverse sensibilità di genere producono il meglio quando collaborano e viceversa il peggio quando le strade della sapienza si separano.

Se vogliamo cluster marittimi forti, prosperi e socialmente sostenibili in Europa  la diversità di genere dovrebbe essere un principio guida come mezzo per attrarre e trattenere nuovi talenti nel settore marittimo. I modelli di ruolo femminile in cariche di alto livello possono aiutare ad inviare un messaggio a tutto il settore, ovvero che le donne hanno un posto in questo settore tradizionalmente dominato dagli uomini.

Le donne, nei momenti di gran difficoltà tipo guerre, pandemie e quant’altro l’umanità ha sofferto, sono state sempre parte principe nella soluzione dei problemi, troppe volte lo sono state nell’ombra, è bene che adesso ed in futuro il loro impegno posto sia alla luce del sole sul palcoscenico della vita dove meglio possano essere ammirate.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento