News del 13 novembre 2019 – Caso pirateria dive vessel Ramas – Segretario della Fit-Cisl Pellecchia spara fregnaccie.

News del 8 novembre 2019 – Seminario nozioni di diritto marittimo internazionale, normative, responsabilità in ambito civile e penale dell’equipaggio, armatore ed ispettori.
8 Novembre 2019
News del 3 dicembre 2019 – Autorevolezza, non autoritarismo
3 Dicembre 2019

Messico, Pellecchia (Fit Cisl): Solidarietà ai marittimi vittime dei pirati


Esprimiamo la nostra vicinanza ai marittimi coinvolti e ai loro cari e facciamo auguri di pronta guarigione ai feriti”, così dichiara Salvatore Pellecchia, Segretario generale della Fit-Cisl, in merito all’assalto della nave Remas, nel Golfo del Messico, da parte di un commando di pirati.

Confidiamo nel lavoro della Farnesina a tutela di questi lavoratori – prosegue Pellecchia – Non ci aspettavamo in quel territorio un’azione del genere, tuttavia è evidente che si ripropone il tema della sicurezza dei marittimi. Si tratta di lavoratori fortemente esposti da un lato al fenomeno della pirateria, a quanto pare non solo nelle aree di rischio più note, e dall’altro agli incidenti sul lavoro.

Già ora, anche grazie al nostro lavoro, sono previste tutele per casi del genere che vogliamo estendere a un numero di navi sempre maggiore. Ma occorre, e lo richiederemo, fare ancora di più. Nell’ambito della discussione sul rinnovo contrattuale, proporremo alle controparti il tema della sicurezza per rafforzare gli strumenti di prevenzione, prevedendo interventi a sostegno non solo materiale ma anche psicologico. Nel caso della pirateria vogliamo che si parta da un monitoraggio continuo delle zone di navigazione esposte a questi rischi. Tuttavia la nostra azione non basta: auspichiamo che anche il Governo faccia la sua indispensabile parte”.

Allora, facciamo una bella analisi delle fregnaccie ieri dichiarate sal segretraio FIT-CISL Pennacchia.
Il Pellecchia (ex ferroviere) afferma che non ci si poteva aspettare un atto terroristico in quella zona, questa affermazione prova quanto lontano sia il sindacato dalle problematiche della gente di mare. Il segretario FIT-CISL e magari i suoi colleghi della UIL e della CGIL dovrebbero sapere che nel Golfo del Messico agiscono piccoli predoni del mare, ma anche bande specializzate negli attacchi alle piattaforme off-shore o alle petroliere. L’ultimo assalto il 4 novembre. Un fenomeno che si collega, indirettamente, a quanto accade sulla terraferma con il saccheggio quotidiano di idrocarburi. All’inizio dell’anno la stampa messicana ha segnalato la tendenza crescente di scorrerie da parte di gang ben organizzate davanti alle coste degli stati di Campeche e Tabasco. Uomini armati, a bordo di barchini, salgono di notte sulle piattaforme, intercettano navi, si muovono con grande rapidità. In alcuni casi trasbordano il carico, fanno traffici, guadagnano con il contrabbando. Spesso si limitano a rubare materiale, componenti e qualsiasi cosa possa servire. Centinaia gli episodi segnalati a partire dal 2017. Nei primi assalti erano usate armi di piccolo calibro, ma successivamente sono comparsi fucili. Un ulteriore prova del coinvolgimento dei cartelli.
Segretario Pelleccchia lei dimostra di essere assolutamente non adatto ad occuparsi di vicende di cui non ne capisce un bel tubo. Cortesemente si occupi di ciò che conosce perchè il settore marittimo è molto complesso e nessuno può e deve impovvisare
Stendiamo un velo pietoso sulla supercazzola per cui: “Già ora, anche grazie al nostro lavoro, sono previste tutele per casi del genere che vogliamo estendere a un numero di navi sempre maggiore”. Ci piacerebbe sapere quali emendamenti avete proposto alla implementazione della Solas cap. XI-2.  Pellecchia lei si rende conto di non conoscere la materia ? A suo favore il mal comune mezzo gaudio dal momento che i suoi colleghi della triplice sono par suo e con loro anche quei segretari dei sindacati minori che vi sbavano appresso con la speranza di ottenere almeno i vostri avanzi.
Un’ultima cosa: invece di spartirvi tra voi della triplice i soldoni che gli armatori vi danno per ogni marittimo comunitario ed extra comunitario imbarcato su navi italiane iscritte al R.I. (vedi accordo sottostante), fate in modo che questa montagna di denari servano a garantire l’incolumita dei lavoratori marittimi implementando i sistemi di sicurezza contro la pirateria. Così lei e i suoi colleghi sareste credibili, altrimenti le vostre espressioni di solidarietà valgono meno dello zero assoluto.
verbale-di-accordo-sindacati-confitarma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *