Tutte le persone di buona volontà sono tenute ad inviare la sottostante petizione via email al nostro Ministero degli Esteri unita.crisi@esteri.it

Un primato del Vespucci
4 Settembre 2019
NEWS del 6 settembre 2019 – Marinaio muore cadendo da nave da crociera nelle acque del porto di Livorno e COSMAR interviene legalmente
6 Settembre 2019

Fare copia e incolla e indirizzare a:  unita.crisi@esteri.it  mettendo in copia segreteria@cosmar.org

Oggett:o Istanza popolare

Onorevole Ministro,

il 4 luglio 2019 le Dogane del Porto di Dakar hanno sequestrato la M/n Grande Nigeria, ivi ormeggiata per operazioni di sbarco del carico proveniente da un porto del Brasile (caricatore Renault du Brasil), dopo aver rinvenuto a bordo occultati nel bagagliaio di quindici vetture Renault nuove, un totale di oltre 798 Kg di cocaina; le autovetture caricate erano destinate a Congo ed Angola. Contestualmente, le Dogane hanno incarcerato il comandante della nave Biagio Pasquale Mattera ed il 1° Ufficiale di coperta Paolo Amalfitano. L’aspetto aberrante è che, in maniera del tutto esplicita, i nostri marittimi sono stati arrestati sulla base di una presunta responsabilità oggettiva, ossia per il solo fatto di essere comandante e primo ufficiale di coperta della nave, senza alcuna evidenza del loro coinvolgimento nel fatto. Crediamo ve ne sarebbe a sufficienza per chiedere l’intervento degli Organismi deputati alla tutela dei basilari diritti umani.

Signor Ministro, i nostri connazionali dopo due mesi si trovano ancora in prigione, se tale la possiamo chiamare, a Dakar. I nostri connazionali in questi due mesi sono molto deperiti perdendo anche peso corporeo, il comandante Mattera ha più volte manifestato malessere e svenimenti.

Lo scrivente La invita a convocare l’ambasciatore del Senegal al fine spieghi la motivazione di questa palese ingiustizia  che oltre a penalizzare fisicamente e moralmente i nostri connazionali, pone la nostra nazione in una posizione subalterna al Senegal umiliando tutti i cittadini italiani.

E’ del tutto evidente che i due lavoratori marittimi siano, ne più ne meno, ostaggi.

Con ossequio

Nome  e Cognome

 

1 Comment

  1. ARMANDO TERRAMOCCIA ha detto:

    Egregio MINISTRO , dia un segno di esistenza in vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *