NEWS del 4 gennaio 2019 – Sinistri marittimi: nel 2017 un incremento nel numero di feriti occorsi a navi passeggeri.

News del 28 dicembre 2018 – Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Reparto 6° Sicurezza della Navigazione – Rapporto annuale 2017
28 Dicembre 2018
Il trasferimento da Genova a Napoli via mare e senza motore di “Italia” l’8 metri che vinse l’Olimpiadi nel 1936.
7 Gennaio 2019

  Nel 2017 nelle acque territoriali italiane e in quelle limitrofe si sono verificati 260 sinistri marittimi che hanno coinvolto complessivamente 328 navi, rispetto a 287 sinistri con il coinvolgimento di 346 navi nel 2016. Nel 2017 i sinistri che hanno coinvolto sole navi nazionali sono stati 213 (233 nel 2016) per un totale di 271 navi italiane coinvolte (287 nel 2016). Lo evidenzia il “Rapporto sui sinistri marittimi” per l’anno 2017 redatto dalla Direzione Generale per la vigilanza sulle Autorità portuali, le infrastrutture portuali ed il trasporto marittimo e per vie d’acqua interne del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, studio che contiene le analisi statistiche delle dinamiche e delle cause più frequenti degli incidenti e sinistri marittimi avvenuti nelle acque territoriali nazionali nell’ultimo decennio, e comprende anche agli infortuni verificatisi a bordo delle navi.
Il rapporto specifica che il quadro complessivo degli incidenti occorsi nelle acque nazionali, o in quelle ad esse limitrofe, indipendentemente dalla loro bandiera, presenta dati contrastanti: anche se il numero di incidenti in mare risulta in diminuzione, si è rilevato un forte incremento nel numero di ferimenti e decessi in mare negli anni dal 2011 al 2013, dovuto principalmente a gravissimi sinistri marittimi legati al fenomeno dell’immigrazione clandestina.
Relativamente ai ferimenti (89 complessivi nel 2017 su navi di qualunque bandiera rispetto a 38 nel 2016) e ai decessi (18 nel 2017 rispetto a 11 nell’anno precedente) causati dagli incidenti marittimi, il rapporto sottolinea che l’andamento dei decessi e dei ferimenti nei sinistri marittimi occorsi a navi nazionali (rispettivamente 17 e 86 contro 8 e 36 nel 2016), pur presentando un andamento crescente dal 2008 fino all’anno 2013, è poi diminuito negli anni successivi. Tale incremento appare dovuto principalmente ai due gravi incidenti avvenuti nel 2012 e nel 2014 alle navi Costa Concordia e Norman Atlantic, nell’ambito di un quadro altrimenti piuttosto uniforme sia dei decessi sia dei ferimenti causati da sinistro marittimo. Nel corso del 2017 è stato invece osservato un incremento nel numero dei ferimenti, principalmente in occasione di urti occorsi a navi passeggeri e passeggeri e merci.

COSMAR, la casa dei professionisti del mare.  Assicura la tua abilitazione professionale, non mettere a rischio la serenità della tua famiglia, clicca qui !  Per informazioni scrivi a segreteria@cosmar.org  o  chiama il 329 455 5682. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *